La malèrba dei Paduli

C’era una volta un terreno tutto piantato a olivi, vasto e florido che ti  smarrivi solo a guardarlo perché si estendeva da dove sorge il sole fin dove tramonta, da levante a ponente, da Sanarica verso Ruffano e da Maglie a San Cassiano, da dove scende la tramontana a dove sale lo scirocco, dall’Altitalia all’Africa.
Un terreno vasto e florido, tutto piantato a olivi ed era così tanto tempo che stavano là che nemmeno la buonanima del padre del padre del padre di Rocco Matusalemme l’aveva mai visti più bassi di una colonna; con certi alberi che era uno spettacolo guardarli, così alti e rigogliosi che se ti mettevi sotto oscuravano il cielo, se volevi abbracciarli erano necessarie una decina di persone e se andavi nella stagione giusta, a terra c’erano tante olive che sembrava fossero piovute dal cielo per tre giorni di fila.

Un terreno così vasto e florido, tutto piantato a olivi, che davano ricchezza a pochi e lavoro a tutti e talmente tanto, che se avessi dovuto raccogliere tutto l’olio dei Paduli, non ti sarebbero bastati tutti i pozzi di Ortelle, Cursi e Mesagne e le
cisterne di tutti i duchi, i re e i padroni messi insieme.

“C’era una volta” stavo dicendo, giacché dividendo tra i figli e i figli dei figli e i figli dei figli dei figli e così via… si arrivò ad una generazione di fratelli che invece di mettersi d’accordo per dividere la ricchezza fra tutti, cominciarono a tirare
su muri: trasportando pietre si facevano rossi rossi di rabbia e di invidia e si mordevano la lingua, poi, quando andavano a bagnare le friselle nei canali, la lasciavano uscire fuori dai denti come un serpente e a furia di sparlare la maldicenzasi diffondeva e l’acqua dei canali si faceva più scura e limacciosa, finché, invece delle canne, cominciò a crescere la malèrba.

E più si diffondeva la maldicenza più la malèrba soffocava i canali, e più gli argini cedevano più si allagavano i Padùli, finché l’acqua non li ha sommersi e all’origine sono tornati ed ora la ricchezza è uguale per tutti: niente per nessuno!

dì la tua su "La malèrba dei Paduli"