Neviera

La neviera in questione fa parte della tipologia delle grotte-neviera, stanze sotterranee coperte da una volta di pietra e da terreno vegetale destinate alla conservazione della neve caduta nei mesi invernali, che serviva a sopperire alla carenza d’acqua dei mesi estivi. Strutture simili, come testimoniano testi del settecento ed i bozzetti di viaggio di Cosimo de’ Giorgi, sono frequenti in Terra d’Otranto.Il periodo di costruzione delle neviere coincide con quella che gli studiosi chiamano la piccola era glaciale tra il 1550 ed il 1850, nell’arco di questo lungo lasso di tempo si verificarono temperature molto rigide in Puglia e nel Salento, dove le correnti provenienti dai Balcani, producevano siccità in tutti i periodi dell’anno ed al contempo freddo e neve nel periodo invernale.

se vuoi saperne di più leggi:

  • B. Alterini, Le ghiacciaie: architetture dimenticate, Alinea, Firenze

dì la tua su "Neviera"